fbpx

La corsa degli animali

la corsa degli animali

Il libro che vi presento oggi è un albo difficile da definire. Nasce dall’incontro tra l’estro di Jean Mallard, giovanissimo illustratore parigino alle prese con la sua opera prima, e il divertente nonsense di Daniil Charms, esponente dell’avanguardia russa perseguitato dal regime sovietico per i suoi racconti per bambini.

Jean Mallard si è formato alla Scuola di Arti decorative di Parigi, studiando fumetto, animazione, serigrafia e incisione. Ha frequentato il Master di Ars in Fabula nel 2019, dopo aver ottenuto il Grant Award assegnato dalla Bologna Children’s Book Fair.

La corsa degli animali non è l’unico testo di Daniil Charms presente nel catalogo di Camelozampa. La casa editrice ha già pubblicato Di come Nicolino Punk volò in Brasile e 7 gatti.

La corsa degli animali

di Daniil Charms, Illustrazioni di Jean Mallard, Traduzione di Laura Piccolo, Camelozampa – Età di lettura dai 3 anni

Una volta il leone, l’elefante, la giraffa, il cervo, lo struzzo, l’alce, il cavallo selvatico e il cane si misero a discutere su chi tra loro corresse più veloce di tutti. Discuterono e discuterono e per poco non vennero alle zampe.

Cosa fare per stabilirlo? Gregoruccio Degli Aranci non aveva dubbi in proposito, era necessario organizzare una gara. Il primo a completare il giro intorno al lago sarebbe stato dichiarato vincitore. Fin qui la storia sembrerebbe quasi avere una andatura lineare. E invece, durante la gara,  il leone decide improvvisamente di fermarsi per un pisolino, l’alce e la giraffa pensano bene di bere tutta l’acqua del lago per far prima ad attraversarlo, lo struzzo non si accorge che sta correndo all’incontrario, mentre l’elefante viene colto da improvvisi attacchi di ridarella.

la corsa degli animali
la corsa degli animali di Daniil Charms, Illustrazioni di Jean Mallard, Traduzione di Laura Piccolo, Camelozampa

E così pagina dopo pagina ci accorgiamo di essere spettatori di una gara surreale e sconclusionata dove non vi saranno nè vinti nè vincitori. Una storia imprevedibile e fuori da ogni logica.

la corsa degli animali
la corsa degli animali di Daniil Charms, Illustrazioni di Jean Mallard, Traduzione di Laura Piccolo, Camelozampa

Il nonsense di Daniil Charms

Ma chi è l’autore di questa storia così bizzarra e fuori dal comune?

Scrittore, poeta, drammaturgo russo, noto in patria soprattutto come autore per bambini e ragazzi (anche se nella sua biografia si legge che egli detestava i bambini!), quasi del tutto sconosciuto in Italia, Daniil Charms era un personaggio eccentrico che aveva deciso di incarnare quel nonsense che ha caratterizzato poi gran parte della sua produzione letteraria. Esponente dell’avanguardia letteraria russa, Daniil Charmas amava portare il suo lettore a confrontarsi con l’assurdo e il paradossale. Per descrivere la realtà usava accostare immagini il cui legame doveva essere ricercato non attraverso il canonico meccanismo causa-effetto, ma in una realtà superiore, la surrealtà. Alcuni sostengono che abbia anticipato di circa trent’anni il Teatro dell’Assurdo di Ionesco e Beckett.

Visse perseguitato per anni dal regime stalinista che lo accusava di aver tradito la causa socialista e gli procurò carcere, confino e internamenti in manicomio, dove morì nel 1942. La sua audacia letteraria era anche il suo manifesto politico all’interno del quale rivendicava il diritto alla libertà espressiva senza vincoli e condizionamenti.

Nel suo Quaderno azzurro aveva scritto:

C’era un uomo coi capelli rossi, che non aveva né occhi né orecchie. Non aveva neppure i capelli, quindi dicevano che aveva i capelli rossi tanto per dire. Non poteva parlare, perché non aveva la bocca. Non aveva neanche il naso. Non aveva né braccia né gambe. Non aveva neanche la pancia, non aveva la schiena, non aveva la spina dorsale, non aveva le interiora. Non c’era nulla! Insomma, non sappiamo nemmeno di chi stiamo parlando. Meglio non parlare di lui mai più.

Le illustrazioni di Jean Mallard

Come già detto in incipit, Jean Mallard è un giovane illustratore parigino da subito entrato nel mondo del lavoro grazie anche al talento che ha saputo sin da subito dimostrare. In ragione di ciò, gli è stato affidato l’arduo compito di reinterpretare il racconto di uno scrittore geniale e anticonvenzionale come Daniil Charms. Un lavoro che, ricordiamo, è nato all’interno del corso di Ars in Fabula Master in illustrazione per l’editoria, con il docente coordinatore Mauro Evangelista, per il progetto di Camelozampa.

la corsa degli animali di Daniil Charms, Illustrazioni di Jean Mallard, Traduzione di Laura Piccolo, Camelozampa

Come racconta lo stesso Jean Mallard durante un’intervista nel corso della Bologna Children’s Book Fair di quest’anno, in accordo anche con le editrici, il suo lavoro è stato sin da subito “libero”. Questo approccio gli ha consentito di trovare ispirazione dalla pittura russa e dal movimento dadaista e surrealista.

la corsa degli animali di Daniil Charms, Illustrazioni di Jean Mallard, Traduzione di Laura Piccolo, Camelozampa

Le illustrazioni sono state realizzate ad acquerello (tecnica privilegiata da Jean Mallard) e gouache, ma usando direttamente il colore proprio per cercare di rendere e conservare il surrealismo del testo. I colori utilizzati sono stati preparati direttamente da lui attraverso l’utilizzo di alcuni semplici elementi come il miele e l’uovo, cercando di ottenere una pittura molto densa e vivida. Questo gli ha consentito di ottenere, man mano che lavorava sulle tavole, sfumature di colore sempre diverse.

Un “albo dell’assurdo” che soprattutto attraverso le illustrazioni riesce a rendere l’idea di una corsa sconclusionata dove non ci sono mete e nè traguardi e di di una circolarità di cui tutti gli animali (e forse non solo!) sono protagonisti.

se desideri acquistare il libro clicca qui!

Mariapia Basile
Mariapia Basile è fondatrice di Firmino, sito specializzato sui temi dell'educazione alla lettura e della segnalazione di tutto quello che di nuovo c'è nel panorama editoriale della letteratura per l'infanzia e l'adolescenza. Avvocato e insegnante di sostegno nella scuola superiore di secondo grado, appassionata di letteratura giovanile, realizza incontri e corsi rivolti a genitori, educatori, insegnanti.